venerdì 21 agosto 2015

Ops!

Il viaggio è stato il migliore della mia vita, indubbiamente.
Io e Claude siamo stati proiettati in un posto MERAVIGLIOSO, non posso e non riesco a trovare le parole giuste per definire l'Islanda: è il posto più bello, visivamente parlando, che io abbia mai visto coi miei occhi.
E' talmente bello che non riuscivo nemmeno a fare fotografie: a parte che quando ci ho provato, erano tutte una pallida copia di quello che vedevo (nonostante questo, molte sono splendide e non per merito mio). Ma comunque non riuscivo a smettere di riempirmi occhi e cuore di tutto l'orizzonte denso di colori e paesaggi inimmaginabili.
Non riesco a trasmettere l'entusiasmo che mi ha preso vedendo un posto che urla bellezza. Ma dentro di me c'è anche un dispiacere grande: ora so con certezza che tantissimi posti nel mondo (compresa e soprattutto l'Italia) sarebbero stupende 100mila volte tanto se solo potessimo preservarne i paesaggi e la sua parte più selvaggia. Questo pianeta è il paradiso e noi lo ricopriamo di cemento e vetro. Che triste destino!
Siamo davvero troppi a questo mondo. Siamo una specie che esaurisce una terra così bella! L'Islanda è ancora tanto selvaggia, c'è così tanto da vedere, e poi come sono stati precisi e organizzati gli islandesi a preparare percorsi che abbiano pochissimo impatto sulla natura, rendendo piacevole e facile visitare tantissimi posti stupendi minimizzando i danni che inevitabilmente l'essere umano fa ovunque accorra in massa. Ammiro tantissimo il lavoro che ha svolto l'ufficio del turismo e la guardia forestale e tutti gli enti che si sono occupati di creare servizi, infografiche, aree sosta e percorsi per i turisti. Abbiamo talmente tanto da imparare da questo approccio, peccato non farlo nostro.

Vorrei condividere qualche (poche) foto che ho fatto col cellulare, ma sfortunatamente il mio cellulare oggi ha deciso di morire, PUFF, così, e ora è dal medico (=mio marito lo ha messo in terapia intensiva) per cercare di farlo funzionare di nuovo.

L'ultima cosa che ero riuscita a fare con google è una sorta di collage (chiamata "storia") di alcune foto/video...una cosa semplice creata con gli strumenti automatici di google, grazie google, santo google.
La trovate qui se volete un assaggio di quello che ho visto... sì è molto, molto di più di così.

Spero che anche le vostre ferie siano andate o stiano andando bene. Io fra poco torno alla mia normalità, ma per ora...non ci voglio proprio pensare!!!

5 commenti:

Cecilia Costantini ha detto...

Mi hai fatto venire voglia di un viaggetto da quelle parti!

Aria ha detto...

che bello sentirti così e che paradiso deve essere l'Islanda...una mia cara amica me ne ha parlato con lo stesso entusiasmo! per la pasta di zucchero...sai che non ho mai provato a sostituirla con l'agar agar? non l'ho mai sentito nemmeno da altri, però..tempo che il risultato non sarebbe lo stesso...ma indagherò e ti darò notizie! Nel frattempo puoi vedere a cosa mi è servita ;) un abbraccio e buon rientro!

Zion ha detto...

@cecilia: non te ne pentiresti!!!

@aria: sono andata a sbirciare il risultato, che è bellissimo, ma soprattutto le tue parole mi hanno fatto scendere dei lacrimoni pazzeschi. Sei davvero dolcissima!!!

ondalunga ha detto...

è nella top 3 delle prossime mete...:)

Viviana B. ha detto...

Troppo simpatiche le foche e il bello è che quello è solo l'inizio del giro virtuale dell'Islanda! Incredibili le cascate, rendono davvero l'idea di quanto impetuosa e potente possa essere la natura, ma anche misteriosa, se si pensa a quelle "magiche" bolle di fanghi ed agli sbuffi di vapore... Insomma: sono certa che tu abbia trascorso delle splendide vacanze e di questo sono molto, molto contenta!
P.S. Come sta il telefono in terapia intensiva?