lunedì 7 settembre 2015

Tra un viaggio e l'altro

Sono appena tornata dalla Croazia, e settimana prossima parto per Dublino: praticamente ho contrattato furiosamente perchè in teoria avrei douto fare 2 settimane croate, ma poi è saltata fuori questa storia di Dublino e beh, mica volevo fare 3 settimane via da casa. Quindi oggi sono a Milano.

Mi fa male un piede. Non cammino per niente bene, è un dolore che brucia dal tallone e risale fino a dietro il malleolo, ma dopo un po' che cammino diventa sopportabile. Sono tre mesi che ce l'ho, ma naturalmente andare dal medico diventa quasi fantascienza, e chi ce l'ha il tempo? Inoltre temo che sia dovuto in parte anche a delle scarpe molto graziose ma terribilmente sbagliate per me. 
In Islanda camminavo con gli scarponcini da montagna e non avevo male. La suola delle scarpe che metto tutti i giorni è però molto sottile ed estremamente flessibile, invece gli scarponcini da montagna hanno una suola molto rigida e spessa. Comincio a credere di aver sbagliato a prenderle.
Comunque è imbarazzante, ci sono giorni in cui praticamente cammino sulle punte per non sentire male, io che non uso praticamente tacchi e che invece, evidentemente, dovrei un po' mettere. Ma se li metto poi i piedi mi fanno male sul metatarso, e quindi a cosa serve? 
Comunque non volevo tediarvi con gli acciacchi dell'età, ma sfortunatamente la mia vita prende sempre più una piega di piattezza estrema, sempre involuta sul mio lavoro senza fare altro. Sono completamente priva di ogni tipo di creatività, non che abbia creduto di averne mai avuta molto, ma ormai raggiungo livelli di aridità creativa stupefacente.

In compenso ho visto il film dei Minions che peraltro vi consiglio: ho riso, leggera, per tutto il tempo. Consigliato.

5 commenti:

Cecilia Costantini ha detto...

Allora ti consiglio pure il film Inside Out ... fa ridere, fa riflettere, secondo me lo dovrebbero far vedere a scuola!
Ma mettere scarpe con un po' di suola anche nella vita quotidiana?

Zion ha detto...

il problema è lo stile: non posso mettere scarpe da montagna a lavoro.
Però ieri ho preso delle scarpe invernali (quindi per ora ancora non posso metterle) che promettono bene, della stonefly. E spero vada tutto a posto perché quelle benedette scarpe non sono gratis...
spero arrivi il freddo IN FRETTA.

Viviana B. ha detto...

Ecco, io no, non spero che il freddo arrivi in fretta: già i 13° mattutini mi hanno destabilizzata, perchè poi di giorno si sta bene, così mi piazzo davanti all'armadio nella speranza che i capi per star bene tutto il giorno - senza battere i denti dal freddo al mattino e far la sauna al pomeriggio - saltino fuori da soli.
Per quanto riguarda il tuo piede, sai che io mi trovo a fare la scomoda voce della coscienza, ma neanche troppo sommessamente ti urlo: "Trova il tempo per andare dal medico, dannazione!".
O vogliamo tornare a tutti quei bei post che avevi pubblicato asserendo di voler prendere in mano la tua vita, di non poterne più di campare solo e soltanto per il lavoro, eccetera eccetera?
Zion, te lo dico davvero con affetto (che sai che provo per te): dimostra di volerti un po' bene.
Ti abbraccio.

Zion ha detto...

@vivib: ahhh quanto hai ragioneee :'(

clara ha detto...

ho sentito dire che consigliano le crocs. magari per casa? jan ci si trova benissimo e la commessa del negozio ha detto che il medico le ha consigliate per i piedi piatti del figlio. chissà.